Apple ha rilasciato importanti aggiornamenti di sicurezza per macOS 10.12 Sierra e OS X 10.11 El Capitan integrando, tra le altre cose, un fix per “KRACK”, la vulnerabilità intrinseca della cifratura WPA2 che consente il riutilizzo delle chiavi crittografiche.

La vulnerabilità riguarda tutti i dispositivi che si avvalgono della cifratura WPA2 nelle reti Wi-Fi, indipendentemente dal produttore. Chi sfrutta tale vulnerabilità può procurarsi accesso al WiFi e quindi a Internet. Nello scenario peggiore l’hacker potrebbe persino manipolare i dati trasmessi sulla rete wireless.

Apple ha inoltre rilasciato la versione definitiva dell’aggiornamento che porta macOS 10.13 High Sierra alla versione 10.13.1. L’aggiornamento, integra migliorie i termini di “stabilità e sicurezza”. È stato integrato il supporto per 70 nuove emoji, ma soprattutto il fix per “KRACK”, la vulnerabilità individuata nel protocollo WPA2. L’update a macOS 10.13.1 mette al sicuro il Mac dalla vulnerabilità intrinseca nel protocollo stesso.

Altre novità dell’update, riguardano: la correzione un errore per cui il Bluetooth poteva non essere disponibile durante le transazioni con Apple Pay, miglioramento all’affidabilità della sincronizzazione dei messaggi di Microsoft Exchange in Mail, la soluzione ad un problema per cui Spotlight non accettava l’input della tastiera.

Disponibili Safari 11.01 e iTunes 12.7.1

Tra i vari update rilasciati ieri da Apple, anche aggiornamenti minori per Safari e iTunes. Risolte alcune vulnerabilità nel browser e “miglioramenti minori all’app e alle prestazioni” per iTunes.

Infine tvOS arriva la versione aggiornata 11.1, nella quale sono riparati alcuni bug di sicurezza.

Giovedì, 19 Ottobre 2017 00:00

Le novità' di Adobe dal MAX 2017

Adobe MAX, nuove applicazioni aggiornate per Photoshop CC, InDesign CC, Illustrator CC, Premiere Pro CC.

Nel corso dell’evento Adobe MAX, Adobe ha presentato la nuova generazione della Creative Cloud, incluse quattro nuove applicazioni: Adobe XD CC , Adobe Dimension CC per il compositing da 2D a 3D, Character Animator CC per l’animazione 2D e il nuovo Adobe Photoshop Lightroom CC (cloud-based). Sono state inoltre presentate le versioni aggiornate di Photoshop CC, InDesign CC, Illustrator CC, Premiere Pro CC e l’espansione del servizio Adobe Stock.

Adobe XD CC è uno strumento che consente di progettare interfacce web, prototipi interattivi che è possibile condividere via web consentendo ad altri di fare valutazioni e modifiche in tempo reale. Adobe Dimension CC è un’applicazione di modellazione 3D dal facile utilizzo. Si integra con Photoshop, Illustrator e permette di creare fotorealistici rendering 3D da destinare al branding e packaging. Adobe Character Animator CC permette di catturare video e audio da videocamere esterne creando personaggi animati che muovono la bocca seguendo il nostro labiale.

 

Scoperte gravi vulnerabilità nel protocollo WPA2 che protegge i dati scambiati in una rete wireless. Potenzialmente riguarda centinaia di milioni di access point sparsi per il mondo.

Recentemente è stata resa nota una vulnerabilità critica denominata KRACK (Key Reinstallation Attack) che consente di bypassare la protezione del protocollo WPA2 di router e access point rivelandosi quindi assai pericolosa. Potrebbe consentire ad eventuali aggressori di intercettare (in chiaro) il traffico Wi-Fi che viene generato fra computer e access point . Tale vulnerabilità' risiede nel protocollo stesso e  l’unico modo per proteggersi è quello di installare aggiornamenti specifici per il proprio sistema o per il proprio dispositivo non appena questi verranno messi a disposizione dai rispettivi produttori, attraverso patch che consentono di annullare o ridurre i potenziali problemi.

Alcune semplici regole di sicurezza :

Fate attenzione (e se possibile evitate) rete WiFi pubbliche come quelle di bar, aeroporti, hotel. Spesso l’utente sottovaluta i pericoli di queste reti ma esistono procedure di “sniffing” che consentono di acquisire i pacchetti di dati che passano in rete. Cybercriminali potrebbero interporsi tra il vostro computer e l’access point, intercettando le comunicazioni e di conseguenza tutto ciò che passa sulla rete.  

Disabilitate le funzioni di condivisione dei file. Sono comode per scambiare file tra utenti della stessa rete ma bisogna ricordare che connettendosi a una rete Wi-Fi pubblica, si condividono le cartelle su tali reti permettendo, così, ad altri utenti di accedere a eventuali file condivisi. Se le funzioni di condivisione sul vostro computer sono attive, fate attenzione a cosa salvate nella cartella Pubblica. La cartella Pubblica di ogni utente con un account su Mac viene condivisa automaticamente.

Molti utenti lasciano come password dell’access point/router, quella impostata in fabbrica dai produttori dei dispositivi. In combinazione ad altre mancanze, i cybercriminali una volta collegati alla rete Wi-Fi, possono potenzialmente prendere controllo completo di router/access point. Se non lo avete già fatto, è bene reimpostare subito la password di accesso all’area di amministrazione del router/access point indicandone una più complessa.

Alcuni router offrono funzionalità di gestione in remoto. Se non strettamente necessarie è meglio disattivare queste funzioni, bloccando l’accesso al router mediante Telnet o protocolli SSH (se supportato dalla vostra connessione). Gli utenti più esperti possono applicare restrizioni al pannello di controllo LAN per l’indirizzo MAC. Ogni dispositivo che si connette a una rete Wi-Fi ha un codice identificativo conosciuto come “indirizzo MAC”, un codice univoco per ogni dispositivo. Per impedire che persone sconosciute si colleghino alla nostra rete, è possibile specificare il MAC address nel Pannello di Amministrazione di ogni dispositivo usato regolarmente.

Se non le utilizzate, è bene disattivare funzioni dei router quali l’Universal Plug and Play (UPnP), DLNA (Digital Living Network Alliance) e simili. Si riduce in questo modo il rischio derivante da vulnerabilità presenti nei software che utilizzano queste funzionalità. Se dovessero servire, è sempre possibile entrare nel pannello di amministrazione e attivare ciò che serve, quando serve.

SSID è l’acronimo di Service Set Identifier, in altre parole il nome col quale una rete Wi-Fi si presenta ai suoi utenti. Per default molti router usano come SSID il nome e il modello de dispositivo stesso: in questo modo, un malintenzionato che passa nelle vicinanze dell’access point conosce anche con quale hardware ha a che fare. Se possibile è meglio disattivare il broadcasting dell’SSID, nascondendo la diffusione del nome. Nascondendo l’identificativo della propria rete wireless non impedirà a chi già conosce il nome di collegarsi ma permetterà di attivare una semplice misura con la quale tenere lontani hackers meno esperti.

Molti router di nuova generazione consentono di configurare una “Guest Network”, in altre parole una rete Wi-Fi per gli ospiti, con restrizioni d’accesso in qualche modo “isolando” quelli sconosciuti o non di vostra proprietà in una rete separata. 

Cercando tra le varie impostazioni dell’access point/router troverete quelle che riguardano la sicurezza della rete wireless. In questa sezione è generalmente possibile indicare la password di accesso alla rete e scegliere il tipo di crittografia utilizzato. La maggior parte dei router nuovi di default hanno il protocollo WPA/WPA2, quello finora considerato più sicuro. Nel caso aveste un router più vecchio, potrebbe essere impostata la crittografia WEP. Questa è facilmente violabile. Se il vostro router/access point è impostato per usare il protocollo WEP, non è sicuro. Se non è possibile usare un protocollo diverso, è ora di cambiare dispositivo.

Un Virtual Private Network (VPN), è un servizio che permette di creare una connessione sicura fra il vostro computer e un sito web, indipendentemente dal tipo di rete usata per accedere a Internet. Sfruttare una VPN per accedere a una Wi-Fi pubblica è un metodo semplice e sicuro per garantire la sicurezza del collegamento.

 

 

A distanza di poco piu' di una settimana dall’ultimo rilascio di iOS 11.0.2, Apple ha reso disponibile iOS 11.0.3 per iPhone e iPad, che risolve alcuni fastidiosi problemi nel reparto audio e nel feedback aptico. L’upgrade è mirato per iPhone 7, iPhone 7 Plus, e iPhone 6S, anche se risulta disponibile per tutti gli altri device compatibili con iOS 11.

L’aggiornamento risolve un problema per cui l’audio e il feedback aptico non funzionavano correttamente con iPhone 7 e iPhone 7 Plus. Altresì, l’upgrade risolve un problema per cui alcuni schermi iPhone 6s non rispondevano all’input touch, perché erano stati riparati utilizzando parti non originali.

Finito il supporto Microsoft Office per Mac 2011.

È terminato definitivamente il supporto Microsoft Office per Mac 2011. Microsoft consiglia agli utenti di macOS High Sierra che usano Word, Excel, PowerPoint di passare alla attuale versione di  Office 2016. Il 10 Ottobre 2017 è la data di fine del supporto Microsoft Office per Mac 2011. Microsoft offre il cosiddeto “Supporto Maintream” per un minimo di 5 anni a partire dalla data di disponibilità generale del prodotto. Le versioni 2011 di Word, Excel, Outlook, e PowerPoint non riceveranno più aggiornamenti relativi a funzionalità e sicurezza.

Risolto un bug con i volumi cifrati con il nuovo filesystem APFS.

Apple ha rilasciato un aggiornamento supplementare per macOS High Sierra a solo una settimana di distanza dal lancio del nuovo sistema operativo.

Migliorata la stabilità dell’installer, la soluzione ad un problema grafico che si manifestava in Adobe InDesign e la soluzione ad un  bug che non permetteva di cancellare messaggi dagli account Yahoo in Mail. Nei giorni scorsi era stata anche registrata una importante problematica di sicurezza nel filesystem: le password dei volumi APFS cifrati potevano essere messe in chiaro usando l'applicazione Disk Utility.  Nelle note dedicate alla sicurezza, Apple spiega che questo problema è stato definitivamente risolto.

Per cio' che riguarda InDesign ed altre applicazioni della suite Creative Cloud Adobe, persistono bug importanti che potrebbero forse essere risolti da Adobe con un aggiornamento della sua suite.

Apple sta di fatto perfezionando il primo vero aggiornamento di High Sierra (versione 10.13.1),ancora in via di sviluppo e quindi potrebbe arrivare solo tra diverse settimane.

L’aggiornamento supplementare per macOS High sierra si scarica, come sempre, direttamente da Mac App Store.

Giovedì, 05 Ottobre 2017 00:00

iOS 11.0.2 per iPad e iPhone.

Disponibile watchOS 4.0.1, risolto il problema di connettività LTE/Wi-Fi sugli Apple Watch Series 3

Rilasciato da Apple watchOS 4.0.1. L’update risolve un bug legato al Wi-Fi. Alcuni utenti avevano segnalato l’impossibilità di utilizzare la rete cellulare dopo che lo smartwatch si connetteva a reti WiFi non autenticate.

Risparmiare spazio su iPhone, installate iOS 11.0.2

Installando iOS 11.0.2 si liberano almeno 500 MB di memoria aggiuntiva su iPhone e iPad; il risparmio dati potrebbe variare da dispositivo a dispositivo.

Al del risparmiare spazio su iPhone (funzione che non risulta ufficialmente documentata), l’update “include correzioni di errori e miglioramenti per iPhone o iPad”. Più specificatamente nelle note di rilascio, si spiega che l’aggiornamento:

risolve un problema riscontrato su un numero limitato di iPhone 8 e iPhone 8 Plus per cui era possibile sentire rumori di sottofondo simili a scoppiettii durante le chiamate.

risolve un problema per cui era possibile che alcune foto venissero nascoste.

risolve un problema per cui gli allegati di messaggi e-mail crittografati di tipo S/MIME non potevano essere aperti.

Mercoledì, 27 Settembre 2017 00:00

Microsoft annuncia Office 2019.

Microsoft annuncia Office 2019, in arrivo dalla seconda metà del 2018.

Redmond rivela i primi indizi sulle novità in arrivo, per la futura nuova versione della suite che include Word, Excel, PowerPoint e Outlook.

Durante la conferenza Microsoft Ignite di Orlando- Florida, Microsoft ha annunciato Office 2019. La nuova suite, sarà presentata nella seconda metà del prossimo anno, integrerà le versioni aggiornate delle applicazioni già citate e di altre applicazioni server tra cui Exchange, SharePoint e Skype for Business.

Nell’annuncio non si è accennato alla versione Mac, ma si spiega solo genericamente che “Offrirà a nuovi utenti funzionalità IT per quanti non sono ancora pronti per il cloud”. Saranno ad esempio integrate migliorie per le funzionalità inking (per utenti che utilizzano la penna per aggiungere annotazioni e commenti ai documenti o per illustrazioni), oppure nuove formule e grafici per l’analisi dei dati in Excel, animazioni visuali con effetti Morph e Zoom in PowerPoint. Tra le migliorie lato server aggiornamenti relativi alla gestione IT per quanto riguarda gestione, usabilità, voce e sicurezza.

Per quanto riguarda il cloud, Microsoft riferisce che si tratta di un tema molto importante ma che questo passaggio è “un percorso che richiede molte considerazioni”. Tornando alla versione Mac, qualche giorno addietro Microsoft ha spiegato che gli aggiornamenti Office per Mac, quindi quelli di Word, Excel, PowerPoint e Outlook saranno rilasciati con maggiore priorità. L’azienda afferma che sono stati apportati cambiamenti all’architettura software che consentono di rilasciare nuovi aggiornamenti con più frequenza e maggiore velocità.

Mercoledì, 27 Settembre 2017 00:00

Disponibile iOS 11.0.1 per iPad e iPhone.

Apple ha rilasciato il primo aggiornamento che porta iOS alla versione 11.0.1. Non sono specificati i dettagli ma, come spesso accade, sono indicati genericamente “soluzione di bug” e “miglioramenti” per iPhone e iPad. 

L’aggiornamento, come sempre, può essere installato direttamente dai dispositivi. Da Impostazioni, selezionate “Aggiornamento Software”, attendete la verifica dell’update, scaricate ed installate…. L’update richiede almeno il 50% di batteria o il collegamento a una sorgente di alimentazione.

Tra i problemi risolti da questo primo update per iOS 11, un inconveniente lamentato da alcuni utenti con account Microsoft su Outlook.com o Office 365 o su un Exchange Server 2016 con Windows Server 2016.

Mercoledì, 20 Settembre 2017 00:00

iOS 11, tutte le novità indicate da Apple.

Sono moltissime le novità di iOS 11 per iPad e iPhone.

Apple ha rilasciato la versione definitiva di iOS 11, nuova versione del sistema operativo per iPad e iPhone.E' stato definito “la maggiore release software di sempre per iPad”, integra nuove funzioni multitasking, l’app File e nuovi modi di utilizzare Apple Pencil. La realtà aumentata sta per approdare su centinaia di milioni di dispositivi iOS con una nuova piattaforma che permetterà agli sviluppatori di creare app in cui gli utenti potranno sovrapporre contenuti virtuali a scene reali.

Core ML offre agli sviluppatori capacità di machine learning on-device che permetteranno di creare app in grado di prevedere, imparare e diventare via via più intelligenti. Altre funzioni includono la possibilità di versare somme di denaro fra amici con Apple Pay, “Non disturbare” alla guida per restare concentrati unicamente sulla strada, Siri ancora più intelligente e con una nuova voce, nonché innovative capacità professionali per Foto e Fotocamera.

Con l’arrivo di iOS 11, Apple ha aggiornato le app della suite iWork. Disponibili quindi update per Pages, Numbers e Keynote. Su iPad, ora è possibile trascinare e rilascia testo, immagini e altro ancora tra Pages e altre app, lavorare in modo più efficiente con Slide Over, Split View e il nuovo Dock.

Disponibile Safari 11 per macOS Sierra e OS X El Capitan.

Rilasciato Safari 11 sia per macOS 10.12 Sierra, sia per OS X 10.11 El Capitan. L’aggiornamento è consigliato a tutti e integra miglioramenti relativi alla privacy, della compatibilità e alla sicurezza

Disponibili infine watchOS 4 e tvOS 11. Apple ha rilasciato le versioni aggiornate definitive di watchOS 4 e tvOS 11. nuove versione dei sistemi operativi per i dispositivi Apple Watch e Apple TV. 

Il software della Avast è stato violato da hackers nascondendo un malware all'interno del programma. Ccleaner, il popolare software usato spesso per ripulire il proprio pc, è stato violato da alcuni hackers. I pirati informatici hanno nascosto un malware all’interno del software facendo in modo che questo possa poi infettare tutti i pc che usano il software. Si parla di circa 2,3 milioni di pc infettati.

Si parla di numeri molto alti, dalle stime sembrerebbe che i pc infettati possano essere 2,3 milioni. Ccleaner è un software molto utilizzato di solito per ripulire il proprio pc, per eliminare spazio all’interno del proprio disco fisso. Una pratica che si è diffusa anche sui dispositivi mobili. A scoprire la violazione sono stati i ricercatori di Cisco Talos.

Lo scorso mese di luglio la Piriform, la società che ha realizzato e prodotto il software fino ad allora, è stata acquisita dalla Avast, azienda molto conosciuta per il software anti-virus. In quell’occasione si disse che Ccleaner è usato da 130 milioni di persone, 15 milioni da mobile ed è stato scaricato oltre 2 miliardi di volte (novembre 2016).

Le versione del software che risultano infette sono quelle aggiornate nel periodo di tempo che va dal 15 agosto al 12 settembre. Controllate subito la vostra versione, dunque, quella infetta è la 5.33 che al momento è stata rimossa e non è più disponibile per il download. I ricercatori di Cisco fanno però sapere che molti utenti sono ancora a rischio e rimarranno purtroppo in questa situazione anche dopo l’aggiornamento del loro software CCleaner.

Una volta installato il malware, gli aggressori hanno potenzialmente accesso al computer dell’utente e ad altri sistemi connessi per rubare dati personali sensibili o credenziali che potrebbero essere utilizzate per l’online banking o altre attività online. In modo analogo al malware Nyetya diffuso a fine giugno, anche in questo caso gli aggressori hanno violato un software legittimo e affidabile, trasformandolo in un’applicazione dannosa.

Quindi il consiglio e' quello di prestare la massima attenzione, controllare la versione del software ed aggiornate, nel caso, il vostro pc.


Torna alle NEWS

< Prev1234...6789Next >
Pagina 4 di 9